Malassorbimento e cattiva digestione riducono le scorte di vitamine, minerali, proteine e antiossidanti di cui la pelle ha bisogno per nutrirsi.

I  possibili risultati sono una scarsa produzione di collagene accompagnate da un irrigidimento delle fibre di elastina, la comparsa di segni e rughe, un’aumentata infiammazione della pelle (che è correlata all’ invecchiamento precoce oltre che ad acne e rosacea), rugosità diffusa, borse sotto gli occhi e una ridotta circolazione a livello del sottocute che ha un impatto negativo su lucentezza e tono.

Infatti ogni nutriente aiuta a suo modo la salute della pelle: le vitamine C ed E sono fondamentali per la produzione di collagene ed i processi riparativi mentre lo zinco aiuta a combattere problemi come l’acne.

Le proteine sono invece i mattoni con cui sono costruiti la pelle, i capelli e le unghie.

Se non stai assorbendo questi nutrienti essi non possono svolgere il loro compito e la pelle inizierà a soffrirne.

Quando l’assorbimento o la digestione sono compromessi qualunque dieta ricca di alimenti antiaging è del tutto inefficace in quanto quasi nessuna delle vitamine, minerali, acidi grassi o altri nutrienti viene assorbito.

Il microbioma intestinale

I batteri intestinali producono sostanze fondamentali quali:

  1. La vitamina B7 o biotina è essenziale per il rinnovamento cellulare e per mantenere la pelle in salute.
  2. La vitamina B12, che trasporta sangue ossigenato nell’organismo, dona alla cute luminosità e giovinezza.
  3. Infine i batteri ci aiutano a produrre la vitamina K, che previene l’attacco del calcio alle fibre di elastina, mantenendole elastiche e forti.

Se il microbioma intestinale non sta svolgendo correttamente il suo compito ci sarà una carenza di tutti questi nutrienti e la pelle andrà in sofferenza e cederà prematuramente.

Leave a reply